Attualità     Politica     Cultura    Reportage     Opinioni    Chi siamo    Contatti    Credits     

Direttore Antonio Esposito

La Rivoluzione del Pane al Mulino Pacifico con "La Masa Madre" - Il sogno di Sante: "Panificate, dividete e moltiplicate"
 

dom 07-07-2024 15:03 n.479, a.e.

La Rivoluzione del Pane al Mulino Pacifico con "La Masa Madre"

Il sogno di Sante: "Panificate, dividete e moltiplicate"


Il pane è vita, amore, libertà. Per questo Sante vuole fare il fornaio. Ma il suo sogno s’infrange contro i meccanismi produttivi e commerciali della globalizzazione. Questa la traccia dello spettacolo “La Masa Madre”, andato in scena al Mulino Pacifico, nato da un’idea di Dario Tamiazzo ed Ettore Nigro, diretto e interpretato da quest’ultimo, con giocosa fisicità ed irruente gestualità. La tematica rientra nel progetto finanziato dall’Unione Europea. Apre una riflessione necessaria sul cibo e le tradizioni perdute.

“Che bello sarebbe -sogna Sante- fare il pane per tutti, imbandire una tavola e condividerlo. Lo mangerebbero i bambini e i poveri, i vecchietti e gli uccellini. Me ne andrò in Argentina e porterò con me la pasta madre di nonno Severino. Fonderemo un movimento e sarà il primo partito di questo paese. Ma dobbiamo cambiare le persone dall’interno. Per una vera Rivoluzione Alimentare. Lo so che ci vuole tempo. Ma ora prendete questo pane e dividetelo. Prendete la pasta madre e panificate”.

Il racconto si snoda in un continuo dialogo col pubblico. L’attore distribuisce focacce e volantini, canta, danza, inneggia all’anarchia, immagina un mondo pieno di “panaderos”, un esercito di panettieri al servizio dell’umanità. “Sarebbe una data da ricordare a memoria  -esulta Sante- un giorno senza fame, il più bel giorno di tutta la storia. Voglio fare un pane grande come il sole. Comincerò con i cornetti a forma di mezza luna. Tutto è stato creato per essere diviso e moltiplicato”.

Lo spettacolo fa rivivere i tempi dell’emigrazione, dei primi bastimenti per l’America, il bisogno di tornare alla terra e alle radici, la bellezza della lentezza. Le idee di Sante, però, danno fastidio al potere industriale. Bisogna fermarlo. Per questo viene ucciso dalla polizia. Chi raccoglierà il suo sogno? L’attore Nigro apre un dibattito ed un laboratorio nel giardino del Mulino Pacifico, che incuriosisce soprattutto i ragazzi, che vogliono conoscere meglio la meravigliose potenzialità dell’antico “criscito”.



Categ Cultura, letto 243 volte
 

 
  Apri WhatsApp   Apri Tweeter