Attualità     Politica     Cultura    Reportage     Opinioni    Chi siamo    Contatti    Credits     

Direttore Antonio Esposito

L'Anno del Drago celebrato dagli studenti cinesi a San Vittorino - Dal Conservatorio di Benevento con amore e la Cina nel cuore
 

sab 10-02-2024 16:46 n.418, a.e.

L'Anno del Drago celebrato dagli studenti cinesi a San Vittorino

Dal Conservatorio di Benevento con amore e la Cina nel cuore


Per la Cina questo è l’anno del Drago. Gli studenti cinesi del Conservatorio di Benevento hanno voluto festeggiarlo con un concerto svoltosi nell’Auditorium San Vittorino. Lo spettacolo, dedicato al Capodanno Cinese e presentato dal soprano Zhao Peiye, ha alternato canto lirico e musica pop. Dopo i saluti del direttore Giuseppe Ilario e del sindaco di Benevento, Clemente Mastella, la parola è passata ai cantanti e ai musicisti, che hanno dimostrato le loro doti e gli eccellenti risultati raggiunti negli studi.

Il primo brano è stato “Quando arrivano i fiori della Primavera e la luna dell’Autunno”, poi è seguita “La canzone della mancanza”. I giovani allievi  hanno eseguito un repertorio contrassegnato da un filo di nostalgia per la propria terra, ripercorrendo storie di guerra e di rinascita, ricordando la tristezza della lontananza  e  l’amore dei “figli della patria”. Un’altra canzone si chiama “La felicità arriva a casa”, forse proprio per esprimere il desiderio di tornare un giorno nei luoghi delle loro radici.

“I canti tradizionali -osserva Zhao Peiye- sono molto vivi anche tra le nuove generazioni. Ci sono naturalmente le contaminazioni della musica moderna. I sentimenti universali appartengono a tutti. Qui al Conservatorio studiamo la musica pop. Senza dimenticare da dove veniamo”. Con un occhio alla poesia e a “Mercurio” , la stella più vicina al sole. Con lo sviluppo industriale arrivarono in Cina nuovi strumenti musicali. Tra questi il Guzheng, una sorta di arpa, suonata con grinta da Lu Xiaoyan.

Il concerto ha messo in mostra le belle e raffinate voci dei cantanti, baritoni, tenori, soprani, accompagnati in gran parte dal pianista Simone Matarazzo. Dall’amore per la patria a quello per la mamma,  dai sogni da coltivare alla bellezza della natura. Animati sempre dall’orgoglio di poter diffondere la proprio cultura nel mondo. Con un tuffo nel sound contemporaneo internazionale. Con “Run to you” di Whitney Houston, eseguita con slancio da Wang Weiming, accolto da fragorosi applausi.

Gli studenti cinesi che frequentano il Conservatorio sono circa ottanta. Hanno scelto Benevento per diplomarsi e laurearsi. Poi si vedrà. “Molti di essi -rileva Zhao Peiye- aspirano a tornare in patria. Stanno per arrivare ragazzi nati nel 2005. Sono più intelligenti e più svegli. Io sto qui da dieci anni. Ho costruito una famiglia, sono “figlia” del Conservatorio, grazie al direttore Ilario, che mi ha “adottata”. Il nostro paese non ci ha mai lasciati soli, anche nel periodo del Covid. Il mio autore preferito è Vincenzo Bellini”.



Categ Concerti, letto 393 volte
 

 
  Apri WhatsApp   Apri Tweeter